17881619428532143

Come promesso continuo a preparare i pre e post!
Allora, questo è un caso particolare, in quanto Alessia aveva un naso assolutamente buono anche prima dell’intervento. Bella era, bella è. Però il suo desiderio era quello di massimizzare quei dettagli estetici presenti e allo stesso tempo migliorare l’aspetto della punta che appariva globosa e lunga, ingentilendo il dorso.
Quando ci troviamo di fronte a un dorso che ha la giusta forma, la giusta larghezza, e delle buone linee estetiche eseguo sempre una #preservationrhinoplasty
Di che si tratta...comunemente in una rinoplastica il dorso viene raspato e abbassato al punto desiderato, questo certamente sortisce l’effetto desiderato ma al contempo richiede un lavoro minuzioso per la creazione di linee estetiche valide sul frontale. Quando queste sono valide, è possibile attraverso una rinoplastica push-down o let-down preservarle. In pratica il dorso non viene toccato o quasi, ma è tutta la piramide ossea e cartilaginea a spingersi verso il basso in un unico “blocco” anatomico. Questo ci permette di preservare quelle giunzioni ossee e cartilaginee che sono essenziali sia all’estetica che alla funzione del naso.
A differenza di altri colleghi che usano questa tecnica in quasi tutti i pazienti, io la riservo a casi dove ritengo sia maggiormente indicata. A mio modesto parere è proprio qui che risiede la bravura di un chirurgo, nella conoscenza di molte tecniche e nel loro corretto impiego in ciascun paziente.
#rinoplastica #estetica #rhinoplasty #pocciatouch #chirurgiaestetica #prepost

Tutte le mie pazienti

Scopri di più